Pia Ferrara | Speechless Magazine

Pia Ferrara

Laureata in Comunicazione, nel 2007 è approdata a Fantasy Magazine mossa dall’insano desiderio di divulgare il fantasy nel web 2.0. Appassionata di cinema, fumetti e letteratura fantasy, è riuscita a produrre ben due tesi sull’analisi semiotica di Harry Potter. Ha scritto su varie testate giornalistiche e ha lavorato come social media manager. Attualmente collabora con la fiera del fantasy Lunatica come addetta stampa e con Speechless Magazine come redattrice e addetta stampa. A giorni alterni si diletta di scrittura creativa e le piacerebbe dominare il mondo

Speechless a Lucca Comics and Games 2013

speech-logoBuongiorno a tutti i lettori di Speechless,
abbiamo alcune importanti novità da annunciarvi: venerdì 1 novembre la nostra direttrice responsabile Selene Pascarella e la nostra redattrice Pia Ferrara saranno a Lucca Comics & Games e terranno un workshop insieme a Emanuele Manco di Fantasy Magazine dedicato alla scrittura per un web magazine. Il workshop si terrà nell’ambito di Lucca Educational a Villa Gioiosa il 1 novembre dalle 11.00 alle 13.00. Per partecipare e chiacchierare con noi di come è nata e come si scrive Speechless è possibile inviare una mail e [email protected]. I posti a disposizione sono quindici, per cui affrettatevi!

Nel corso del workshop riveleremo in anteprima alcune novità sul quarto numero di Speechless, in uscita quest’inverno e ripercorreremo i passaggi che hanno portato ai nostri due progetti di punta per questo 2013, l’ebook La bambina senza cuore di Emanuela Valentini e l’ebook What Women don’t Want, una raccolta di articoli e racconti sul tema della violenza sulle donne.

Qui di seguito trovate il link alla pagina ufficiale dell’evento sul sito di Lucca Comics & Games 2013 e presto creeremo l’evento su Facebook.
Ci sarete? Vi aspettiamo!

American Horror Story – Asylum: un bilancio

American Horror Story - Asylum: il teaser posterDopo una folgorante stagione in una tipica villa vittoriana di Los Angeles anni Venti, Ryan Murphy ci ha condotti dritti dritti a Briarcliff, una casa di cura dell’East Coast. Gli appassionati avranno già intuito il riferimento ad American Horror Story – Asylum, seconda stagione del fortunato serial nato dalla vena horror del creatore di Glee. Ad American Horror Story (d’ora in avanti AHS) abbiamo dedicato un articolo sul numero 1 di Speechless che includeva i particolari all’epoca noti su Asylum e desideriamo aggiornarvi per farvi sapere cosa si è realizzato, cosa no e le nostre impressioni su una stagione per cui c’era grande attesa.
Anzitutto, Asylum ha confermato la nostra idea che a Ryan Murphy interessasse soprattutto presentare dei personaggi di cui delineare uno sviluppo individuale. Se in AHS1 l’evoluzione da affrontare era vivo-morto, in questo caso potremmo indicare, senza paura di sbagliare, normalità-follia.

Leggi tutto

Musica e ArteCinema e Serie TVLetteratura Speechless on Facebook Speechless on Twitter Attualità Speechless on YouTube