Intervista ad Alessandro Manzetti, creatore di Mezzotints | Speechless Magazine

Intervista ad Alessandro Manzetti, creatore di Mezzotints

Alessandro Manzetti

Alessandro Manzetti

Alessandro Manzetti: Mezzotints sarà il punto di riferimento nel mercato ebook

Mezzotints ebooks è una giovane casa editrice digitale molto agguerrita che fa della ricerca della qualità il suo tratto distintivo. Abbiamo voluto approfondire questo progetto editoriale intervistando Alessandro Manzetti, uno degli artefici di Mezzotints ebook.

Chi è Alessandro Manzetti e di cosa si occupa a Mezzotints Ebook?

Sono un vecchio appassionato di arte e letteratura che qualche anno fa è uscito alla scoperto iniziando a dare vita ad alcune nuove realtà letterarie online (blog e webzine), collaborando nello stesso tempo con diversi magazine e portali (tra i quali La Tela Nera, H L’Almanacco di Horror Magazine, la Newsletter internazionale della Horror Writer Association, ecc.) come articolista e curatore di rubriche fisse di approfondimento. Il mio ingresso nell’editoria vera e propria risale a due anni fa, quando ho assunto l’incarico di responsabile marketing e diritti esteri della casa editrice Edizioni XII, attività che ho portato avanti parallelamente a quella di coordinatore Italia della Horror Writers Association e a quella di curatore di alcune raccolte ebook di autori di genere nazionali e internazionali (Arkana, Queen Anne’s Resurrection). Oggi per Mezzotints Ebook, oltre a essere l’editore, mi occupo della direzione editoriale e della direzione della collana Buio, dedicata alla narrativa horror. Attualmente, oltre alle attività per Mezzotints Ebook, sto lavorando a un saggio sulla narrativa horror, che raccoglierà le mie interviste ai grandi autori internazionali e altri contributi dedicati di autori, giornalisti e reviewers che mi stanno affiancando in questo progetto. Ma è ancora presto per parlarne. Insomma, mi è più facile dirti cosa ho fatto e di cosa mi sto occupando attualmente, che definirmi in altro modo.

Mezzotints nasce come editore di e-book, un mercato in espansione ma ancora piccolo; su cosa puntate per ritagliarvi un vostro spazio?

Il mercato ebook in Italia è ancora piccolo, ma destinato a espandersi notevolmente nel medio periodo. L’editoria digitale rappresenta una grande opportunità; il nostro progetto non ha il semplice obiettivo di “ritagliarci uno spazio”, come possono auspicare piccoli e medi editori del mercato tradizionale, ma di diventare un punto di riferimento, per la narrativa di genere e non solo, del nuovo mercato ebook. Per questo siamo partiti con largo anticipo, specializzandoci e creando una organizzazione dedicata a questo tipo di mercato, una struttura importante in termini di risorse e competenze. Per raggiungere i nostri obiettivi abbiamo tracciato, fin dall’inizio, un binario molto chiaro, senza curve e compromessi: l’alta qualità in tutti gli aspetti.

L’Italia è pronta per il libro digitale? Quali sono le principali difficoltà che un editore di e-book deve affrontare?

Il mercato ebook in italia ancora deve decollare, ma è già in grande crescita, lo dicono i numeri e la diffusione degli ereader e dei titoli disponibili. Siamo in ritardo non solo con gli Stati Uniti, ma anche con molti paesi Europei, e non parlo solo di Inghilterra o Germania, ma anche di altri paesi assimilabili al nostro, come la Spagna, per fare un esempio. Questo divario, questa “forbice” ancora importante con altri mercati è un importante indizio delle opportunità di crescita della editoria digitale in Italia nei prossimi anni, che sarà più alta rispetto a quasi tutti i paesi europei.
Oggi, evidentemente, un progetto di editoria totalmente digitale come il nostro può soffrire in termini di capacità di distribuzione e penetrazione, quindi di vendite immediate, dovendo fare i conti con un mercato più piccolo rispetto a quello tradizionale, già in crisi. Ma si tratta di una sofferenza iniziale che va preventivata, per questo occorre parlare di “progetto” e non di “cavalcare l’onda”, cercando risultati facili e immediati. Un editore digitale oggi deve programmare nel medio periodo, investire in risorse e nella qualità, specializzarsi e studiare i nuovi scenari e tecnologie, essere pronto a proporsi come protagonista, o almeno come attore e non comprimario, di un mercato che presto sarà molto importante. Ma oggi è necessario lavorare sodo, investire, puntare alla qualità della proposta e alla comunicazione e promozione web-oriented e social. Non è un percorso facile, bisogna necessariamente guardare molto oltre i propri piedi, non sempre è facile e si rischia di inciampare; oggi in Italia non troviamo molti compagni in questa avventura digitale, parlo di progetti editoriali seri e innovativi. Tra qualche tempo le cose cambieranno radicalmente e tutti vorranno “cavalcare l’onda” e investire nel digitale, come è accaduto in altri settori, rivoluzionati dalla tecnologia. Spariranno i timori e i “crociati” del cartaceo, ma non ci sarà più molto spazio per nuovi progetti. Tornando alla tua domanda iniziale, chi sarà in ritardo dovrà accontentarsi di “ritagliarsi un piccolo ruolo” anche nell’editoria digitale. Noi stiamo lavorando per non essere tra questi “ritardatari”.

C’è una grande cura per l’aspetto visivo dei vostri libri: studiate con grande attenzione copertine e illustrazioni ed è una cosa piuttosto rara per degli e-book. Perché è così importante?

Le illustrazioni di copertina sono da sempre un elemento essenziale per la vendita di un libro, questo vale sia per l’editoria tradizionale che per quella digitale. Ma i titoli ebook, rispetto ai libri cartacei, hanno l’opportunità di essere presenti in tutte le librerie, attraverso gli store sul web. Essere presenti non basta, occorre attirare l’attenzione del potenziale lettore, comunicare con lui per i pochi secondi disponibili di attenzione. Noi cerchiamo di sintetizzare la qualità dei nostri libri progetti attraverso la grande cura delle cover, sulle quali investiamo decisamente. Desideriamo che il lettore percepisca il grande lavoro che c’è dentro un titolo ebook, e la cover è la prima impressione che viene offerta, da noi e dagli altri editori, di un progetto. Lavoriamo con diversi illustratori, in pratica con le firme più note di genere a livello nazionale e internazionale, come Daniele Serra, Alan M. Clark, Ben Baldwin, Vincent Chong, Les Edwards. Basta questo per comprendere quanto consideriamo importante e strategico l’artwork per il web marketing editoriale e per i nostri obiettivi. Naturalmente oltre alla cover tutto il testo deve rappresentare la massima cura e qualità, dall’editing all’impaginazione, oltre al valore dell’opera stessa. Ma bisogna prima farci “arrivare” il lettore.

Grande cura per la veste grafica, ma anche per i contenuti: nel vostro catalogo ci sono nomi di tutto rispetto; cito, senza voler far torto agli altri, Dario Tonani, un professionista navigato della fantascienza italiana.

Molti autori prestigiosi e affermati ci hanno seguito fin dall’inizio, in questo progetto digitale. Oltre Dario Tonani, autore del nostro primo titolo ebook per la collana Raggi (fantascienza), abbiamo pubblicato opere di Samuel Marolla e Diana Lama, ma diversi altri autori fanno già parte della nostra squadra, anche se non sono ancora stati pubblicati, o ci sono vicini e ci supportano, come è chiaro dalle prefazioni dei nostri libri già pubblicati affidate ad autori del calibro di Gianfranco Nerozzi, Alan D. Altieri e Gene O’Neill; chissà che non ritroveremo tutti e tre anche nella veste di autori… Per il 2013 abbiamo in programma circa 16 titoli ebook, oltre dieci invece sono già programmati nel 2014. Non posso farti i nomi, se non anticiparti che quest’anno proporremo alcune delle migliori firme italiane della narrativa di fantascienza e di genere thriller e horror. Puoi crederci, visto che nella nostra redazione lavorano, oltre a diversi editor professionisti, anche autori affermati come Danilo Arona e Alda Teodorani, che dirigono rispettivamente le collane Riflessi (saggistica) e Specchi (narrativa multi genere al femminile). Ma presto presenteremo un altro grande autore che dirigerà la nuova collana Prisma, dedicata a un approccio crossover al “lato oscuro”.

Trovo molto interessante per i lettori la vostra offerta “Hyper”: un abbonamento a dieci e-book. Ci puoi spiegare nel dettaglio come funziona?

Non abbiamo inventato nulla di nuovo, negli Stati Uniti le strategie di “subscription” e di fidelizzazione del lettore sono già molto evolute, basta prendere spunto e portare anche qui in Italia questo approccio diverso dal tradizionale. L’idea ci è venuta leggendo un articolo sul marketing applicato alla editoria digitale, che già dal titolo faceva risuonare il contenuto: Subscription, Subscription, Subscription. Il funzionamento del nostro abbonamento Hyper è molto semplice: è acquistabile come pacchetto sul nostro eStore, consente ai lettori di acquistare dieci titoli ebook a un prezzo molto competitivo (€ 14,99, il prezzo di un libro cartaceo), che saranno consegnati comodamente via email una volta pubblicati. Ma non è solo questo a caratterizzare Hyper, non il prezzo o lo sconto, il vero obiettivo è far vivere ai nostri lettori la casa editrice “dietro le quinte”, farli partecipare davvero ai vari processi della creazione del progetto editoriale. Lo slogan dell’abbonamento Hyper è “diventare lettori digitali con i superpoteri”, quindi oltre alle vantaggiose condizioni di acquisto, gli abbonati hanno accesso (sempre con servizio via email) a diverse anteprime, per le cover e per i contenuti, dei progetti in via di pubblicazione. Ma non è tutto, ai nostri abbonati (che ricevono una card personale in formato elettronico) vengono offerti altri servizi e opportunità, come estrazione di premi particolari, dal valore artistico. Niente viaggi o Ipad, vogliamo dare forza al valore artistico dei nostri progetti; per farti un esempio a Natale estrarremo tra i nostri abbonati l’acquerello originale realizzato da Daniele Serra per WAR di Dario Tonani, nostro primo titolo ebook. Per far conoscere e promuovere l’abbonamento Hyper abbiamo fatto realizzare un artwork originale da Ben Baldwin (illustratore inglese vincitore di molti premi internazionali) che ha dato un volto a Hyper, creando un testimonial. Anzi, visto il soggetto, un super-testimonial. Insomma, nulla è semplice, sono necessarie idee e investimenti, se si vuole fare sul serio, senza cavalcare semplicemente l’onda. Fatto sta che Hyper oggi è il primo abbonamento ebook disponibile in Italia. Poi arriveranno anche gli altri.

Sbaglio se dico che vi siete specializzati nella pubblicazione di narrativa di genere? Come mai questa scelta?

Non sbagli del tutto, ben quattro delle nostre collane editoriali sono dedicate alla narrativa di genere: Ombre (thriller), Raggi (fantascienza), Buio (horror), Prisma (crossover). La scelta nasce dalla estrazione ed esperienza editoriale di gran parte dello staff e della redazione. Amiamo il fantastico e le esplorazioni del lato oscuro, in tutte le salse e variazioni. Ma non ci occupiamo solo di narrativa di genere, lo dimostrano la collana Riflessi dedicata alla saggistica, sulla quale contiamo molto, la collana Specchi che proporrà narrativa di vari generi, anche mainstream, e la collana Luci, che sarà dedicata ai progetti multidisciplinari (arte, musica, poesia, narrativa art work, fotografia) che evolveranno, seguendo le tecnologie, in progetti enhanced ebook (epub3), proponendo dunque un vera e propria collana cross-multimediale. Queste tre collane esordiranno presto con titoli ambiziosi e autori prestigiosi, che mostreranno come la nostra filosofia editoriale sia destinata ad andare anche oltre la narrativa di genere.

L’horror e la fantascienza sono generi tradizionalmente di nicchia, soprattutto se scritti da autori italiani. Come pensate di invertire questa tendenza?

La narrativa horror e Sci-Fi sicuramente oggi rappresentano una nicchia del mercato editoriale, anche di quello digitale. Ma come dicevo poco sopra, abbiamo sette collane editoriali, e trattiamo altri generi, come il thriller (protagonista di due collane), che può fruire di una audience ben più ampia. Ma alla fine i conti si fanno sempre sulla qualità; le tendenze o il successo di un titolo dipendono da fattori diversi rispetto alle “etichette” di genere con le quali qui in Italia amiamo catalogare tutto. Il successo e la richiesta di un titolo derivano sempre dalla qualità dell’opera, e dalla sua comunicazione. Un grande libro di fantascienza, ma anche una fantastica storia horror, possono essere apprezzate da qualsiasi lettore. Per gli autori italiani: può essere vero quello che affermi, specie per la narrativa horror e Sci-Fi. In ogni modo non pubblicheremo solo autori italiani, anche se avranno sempre molto spazio nelle nostre collane. Come non pubblicheremo solo in lingua italiana, ma anche autori italiani in inglese, sempre più frequentemente specie dal 2014. Questo è già dimostrato dal nostro secondo titolo ebook Black Tea and other tales di Samuel Marolla, pubblicato (solo) in inglese per la mia collana Buio. Pubblicare solo in lingua italiana è qualcosa di difficilmente “digeribile” per un progetto digitale che si propone sulla Rete.

Cosa sta preparando Mezzotints per il futuro, puoi farci qualche anticipazione?

Mentre rispondo alle tue domande stiamo preparando moltissime cose, abbiamo un nuovo ebook in uscita, che presenteremo il 4 aprile: Le Radici del Male di Alda Teodorani, una riedizione digitale, rivista e aggiornata, di uno dei titoli storici del noir Italiano, con una fantastica illustrazione di copertina di Alan M. Clark, vero mito dell’artwork internazionale. Subito dopo presenteremo la nuova collana Prisma e (soprattutto) il suo direttore, un grandissimo autore italiano che siamo felici (e orgogliosi) di accogliere nella nostra redazione. Ma le novità sulle quali stiamo lavorando sono davvero tante. Da qui all’estate abbiamo in programma la pubblicazione di 5 nuovi titoli ebook, quindi puoi immaginare a quante attività in parallelo stiamo lavorando in questo momento. Qualche anticipazione sulla prossima produzione, anche se generica: partendo da fine aprile sono in uscita: un titolo fuori collana, che esplorerà il genere weird con grande originalità, un romanzo inedito di una coppia di grandi autori (collana Buio – horror), una raccolta di racconti di una eccellenza italiana di genere (ancora collana Buio – horror), un breve romanzo inedito di una importante firma italiana di fantascienza (collana Raggi), un breve romanzo inedito, un thriller nero, originale e ricco di vortici, che aprirà la collana Prisma, poi, subito dopo l’estate, esordirà la collana Riflessi (saggistica) con un titolo dedicato al cinema horror italiano. Potrei continuare a lungo, visto che tra ottobre e dicembre 2013 sono in programma diversi grandi autori e opere, ma meglio fermarmi qui, altrimenti rischio di sbottonarmi troppo.

http://www.mezzotints.it/

    Andrea Cattaneo

    Andrea è un blogger e si occupa di letteratura fantastica e di Fantascienza in particolare, delle cose che esistono, di quelle che non esistono, di quelle che esisteranno e di quelle che non esisteranno mai, nemmeno nei tuoi sogni più sfrenati. Ha scritto anche un paio di bellissimi romanzi e diverse decine di racconti che probabilmente non leggerete mai a causa di un complotto nei suoi confronti.

    More Posts - Website

    Follow Me:
    TwitterFacebookGoogle Plus

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato.

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

    Musica e ArteCinema e Serie TVLetteratura Speechless on Facebook Speechless on Twitter Attualità Speechless on YouTube